Vendite e marketing online,
una guida per il mondo food

Vuoi creare un ecommerce food?

Scopri con noi come farlo a regola d’arte

Come aprire un sito ecommerce alimentare senza sbagliare, tenendo in considerazione tutti i fattori in gioco e ottimizzando l'investimento fatto. Ecco le cose da sapere

Hai già un ecommerce food?

Ecco come farlo funzionare al meglio

Scarica gratuitamente il nostro whitepaper con le strategie di marketing online per sfruttare al massimo le potenzialità del tuo ecommerce: vendere di più è possibile!

Food e mondo online

Il settore del food è uno dei capisaldi del made in Italy nel mondo. L’Italia è associata ovunque al buon cibo: la pasta, la pizza e tutto quel che (luoghi comuni inclusi) possiamo immaginare. Esperienze recenti come l’Expo di Milano, o la creazione di un luogo come FICO Eataly World, hanno sicuramente contribuito a migliorare ulteriormente la percezione e l’immagine del Paese in questo senso.

Ciononostante, molti non sanno che nel nostro Paese esistono tantissime realtà che operano nel mondo del food e non hanno ancora trovato la strada giusta per arrivare al loro pubblico: imprese spesso dalle storie affascinanti, ricche di know-how e con prodotti di alta qualità, che hanno bisogno di veder crescere i loro risultati, in termini di vendite e non solo. Il web, per molte di loro, rappresenta una strada inesplorata, o quasi: aprire un sito ecommerce, ad esempio, potrebbe cambiare la loro storia.

Oggi, la strada da seguire per migliorare il business risiede nel marketing online. In questa guida ecommerce troverai tutte le risposte alle tue domande, per migliorare la notorietà del tuo brand e le performance di vendita: aprire un ecommerce è solo una delle tante attività da mettere in campo!

Parola chiave: omnicanalità

Se fino a poco tempo fa qualità dei prodotti e varietà di assortimento erano sufficienti per avere successo sul mercato, oggi occorre molto altro: il web rappresenta, infatti, la piazza in cui poter conoscere tutto di un brand, condividendo opinioni e interessi con altri consumatori; è la fonte primaria di informazioni per una spesa consapevole, oltre che il luogo stesso in cui poter fare acquisti, ad esempio tramite un ecommerce alimentare.

Per questo, è evidente che un’azienda del food non può non avvalersi del web, in primis per trovare ed attrarre nuovi clienti: in questo articolo ti illustriamo da dove partire, per comprendere e sfruttare le tante potenzialità (anche in termini di misurazione, raccolta dati, ecc.) che la Rete ti offre.

Ovviamente, questo canale non può sostituire completamente quelli esistenti: il mondo offline, a partire dai punti vendita tradizionali, costituisce ancora qualcosa di irrinunciabile per molti utenti, anche per il tipo di esperienza che è in grado di offrire. Aprire un negozio online, insomma, non basta. 

Oggi l’orizzonte di riferimento è quello di adottare una strategia, ecommerce e non solo: in una parola, omnicanale. Si tratta di un approccio che integra i diversi canali (off- e online) per un’esperienza di consumo più uniforme, nella quale si moltiplicano i touchpoint per interagire con i clienti. Sinergia tra canali significa promuovere, distribuire e vendere sfruttando al meglio tutti gli strumenti disponibili: rendere appealing il punto vendita, aprire un sito ecommerce, utilizzare social, email, sviluppare app, ecc.

Certamente per il mondo del retail tradizionale è una sfida non da poco, soprattutto in termini culturali e di competenze, ma di fatto imprescindibile per poter rimanere sul mercato, oltre che un’opportunità in più per aumentare le vendite. Se vuoi sapere di più sull’omnicanalità ed i suoi vantaggi, puoi leggere il nostro articolo.

Vendere online

Come avrai capito, per rendere la tua offerta sempre più accessibile, occorre valutare il ricorso ad un canale ecommerce alimentare, nel quale l’utente possa trovare i tuoi prodotti e comprarli direttamente. Gli acquisti online oggi crescono a ritmi vertiginosi e sono entrati a far parte delle abitudini di molti consumatori, a partire ovviamente dalle fasce più giovani della popolazione.

Tuttavia, come testimoniano i recenti dati dell’Osservatorio eCommerce B2C, l’apporto del settore food al valore complessivo degli acquisti online in Italia (+16% nel 2018) è ancora troppo scarso.

“L’80% degli italiani non riesce ancora ad effettuare online la spesa da ‘supermercato’ con un adeguato livello di servizio”.

Tieni comunque conto che aprire ecommerce non è da tutti, anzi si tratta di un investimento importante: ecco perché, per impostare la giusta strategia, è necessario valutare prima i tuoi obiettivi, oltre al rapporto costi/benefici. Non solo, gli stessi obiettivi andranno attentamente misurati: occorre quindi scegliere con attenzione gli indicatori (KPI) più adatti, per poter beneficiare dell’estrema precisione con cui uno strumento online come questo ti consente di monitorare le varie performance, di vendita ma non solo.

Fortunatamente, oggi esistono già tante best practice, in Italia e soprattutto all’estero, a cui fare riferimento: qui puoi scoprire come facciamo un’analisi approfondita di un ecommerce alimentare. Se invece vuoi vedere qualche nostro lavoro di progettazione e realizzazione ecommerce, ti consigliamo quello fatto per un’azienda come Almaverde Bio Ambiente: capirai che aprire un sito ecommerce può rappresentare uno sforzo importante ma estremamente redditizio. Oppure puoi dare un'occhiata anche a un progetto di ottimizzazione e consulenza ecommerce nel mondo petfood.

Ecommerce marketing e canali di promozione

Costruire un ecommerce non rappresenta un punto di arrivo: un negozio online di successo va piuttosto pensato come un’arma. In questo caso, le munizioni sono tutte quelle azioni di marketing online volte a rendere performante il tuo ecommerce alimentare: vendere di più può dipendere infatti da molti aspetti, dalle strategie di pricing al post-vendita, tutti da tenere in considerazione anche con l’aiuto di un consulente ecommerce capace ed esperto. Tra i principali strumenti troviamo:

  • Email marketing

Rappresenta un canale estremamente efficace, in grado di consentire (grazie anche a processi di automation) il mantenimento di un dialogo con il cliente (acquisito o meno). Se questo finalizza l’acquisto, infatti, va necessariamente coccolato (ad esempio con promozioni dedicate, ecc.), cercando di fidelizzarlo e di ottenere da lui feedback positivi da condividere con gli altri utenti; nei confronti dei potenziali clienti le email rappresentano invece un ottimo aiuto per ottimizzare le conversioni (il cosiddetto recupero del carrello abbandonato). Insomma, un sito ecommerce che funziona passa anche da qui.

  • Social media

Sono tra i canali da tenere in considerazione per il tuo marketing online: come ti spieghiamo qui, infatti, il cibo è da sempre “social”, e oggi questo si riflette nella grande enfasi che le community su Facebook, Instagram e co. pongono sul tema del food.

Un’occasione di visibilità da non lasciarsi sfuggire, unita alle possibilità di comunicazione diretta con l’utente/cliente che i canali social forniscono ai brand: un mix esplosivo, che per questo va maneggiato con cura. Importante è definire a monte una social media strategy calibrata rispetto ai tuoi obiettivi, scegliere bene i canali da presidiare e capire come sfruttarli con i contenuti giusti al momento giusto.

Spaventato? Non devi: qui trovi i nostri consigli fondamentali in proposito. E se vuoi vedere ancor più concretamente come si fa social media management nel mondo del food, ti raccontiamo anche la nostra esperienza in merito.

  • Google

Un altro canale da presidiare attentamente sono i motori di ricerca. Le campagne pubblicitarie su Google Ads sono infatti strumenti estremamente precisi e potenti, che possono aiutarti a ottenere un sito ecommerce performante: dall’aumento di traffico qualificato sul tuo sito all’incremento delle vendite di un prodotto specifico, come sempre, l’importante è impostare la strategia sugli obiettivi che vuoi raggiungere.

Per questo, spesso la soluzione ottimale risiede in un buon mix di investimenti, che sfrutti le potenzialità di ogni canale (Google, social, email, app ecc.) a vantaggio del tuo business e delle tue vendite. Una buona consulenza ecommerce sarà fondamentale per partire con il piede giusto.

Food e mondo online

Il settore del food è uno dei capisaldi del made in Italy nel mondo. L’Italia è associata ovunque al buon cibo: la pasta, la pizza e tutto quel che (luoghi comuni inclusi) possiamo immaginare. Esperienze recenti come l’Expo di Milano, o la creazione di un luogo come FICO Eataly World, hanno sicuramente contribuito a migliorare ulteriormente la percezione e l’immagine del Paese in questo senso.

Ciononostante, molti non sanno che nel nostro Paese esistono tantissime realtà che operano nel mondo del food e non hanno ancora trovato la strada giusta per arrivare al loro pubblico: imprese spesso dalle storie affascinanti, ricche di know-how e con prodotti di alta qualità, che hanno bisogno di veder crescere i loro risultati, in termini di vendite e non solo. Il web, per molte di loro, rappresenta una strada inesplorata, o quasi: aprire un sito ecommerce, ad esempio, potrebbe cambiare la loro storia.

Oggi, la strada da seguire per migliorare il business risiede nel marketing online. In questa guida ecommerce troverai tutte le risposte alle tue domande, per migliorare la notorietà del tuo brand e le performance di vendita: aprire un ecommerce è solo una delle tante attività da mettere in campo!

Parola chiave: omnicanalità

Se fino a poco tempo fa qualità dei prodotti e varietà di assortimento erano sufficienti per avere successo sul mercato, oggi occorre molto altro: il web rappresenta, infatti, la piazza in cui poter conoscere tutto di un brand, condividendo opinioni e interessi con altri consumatori; è la fonte primaria di informazioni per una spesa consapevole, oltre che il luogo stesso in cui poter fare acquisti, ad esempio tramite un ecommerce alimentare.

Per questo, è evidente che un’azienda del food non può non avvalersi del web, in primis per trovare ed attrarre nuovi clienti: in questo articolo ti illustriamo da dove partire, per comprendere e sfruttare le tante potenzialità (anche in termini di misurazione, raccolta dati, ecc.) che la Rete ti offre.

Ovviamente, questo canale non può sostituire completamente quelli esistenti: il mondo offline, a partire dai punti vendita tradizionali, costituisce ancora qualcosa di irrinunciabile per molti utenti, anche per il tipo di esperienza che è in grado di offrire. Aprire un negozio online, insomma, non basta. 

Oggi l’orizzonte di riferimento è quello di adottare una strategia, ecommerce e non solo: in una parola, omnicanale. Si tratta di un approccio che integra i diversi canali (off- e online) per un’esperienza di consumo più uniforme, nella quale si moltiplicano i touchpoint per interagire con i clienti. Sinergia tra canali significa promuovere, distribuire e vendere sfruttando al meglio tutti gli strumenti disponibili: rendere appealing il punto vendita, aprire un sito ecommerce, utilizzare social, email, sviluppare app, ecc.

Certamente per il mondo del retail tradizionale è una sfida non da poco, soprattutto in termini culturali e di competenze, ma di fatto imprescindibile per poter rimanere sul mercato, oltre che un’opportunità in più per aumentare le vendite. Se vuoi sapere di più sull’omnicanalità ed i suoi vantaggi, puoi leggere il nostro articolo.

Vendere online

Come avrai capito, per rendere la tua offerta sempre più accessibile, occorre valutare il ricorso ad un canale ecommerce alimentare, nel quale l’utente possa trovare i tuoi prodotti e comprarli direttamente. Gli acquisti online oggi crescono a ritmi vertiginosi e sono entrati a far parte delle abitudini di molti consumatori, a partire ovviamente dalle fasce più giovani della popolazione.

Tuttavia, come testimoniano i recenti dati dell’Osservatorio eCommerce B2C, l’apporto del settore food al valore complessivo degli acquisti online in Italia (+16% nel 2018) è ancora troppo scarso.

“L’80% degli italiani non riesce ancora ad effettuare online la spesa da ‘supermercato’ con un adeguato livello di servizio”.

Tieni comunque conto che aprire ecommerce non è da tutti, anzi si tratta di un investimento importante: ecco perché, per impostare la giusta strategia, è necessario valutare prima i tuoi obiettivi, oltre al rapporto costi/benefici. Non solo, gli stessi obiettivi andranno attentamente misurati: occorre quindi scegliere con attenzione gli indicatori (KPI) più adatti, per poter beneficiare dell’estrema precisione con cui uno strumento online come questo ti consente di monitorare le varie performance, di vendita ma non solo.

Fortunatamente, oggi esistono già tante best practice, in Italia e soprattutto all’estero, a cui fare riferimento: qui puoi scoprire come facciamo un’analisi approfondita di un ecommerce alimentare. Se invece vuoi vedere qualche nostro lavoro di progettazione e realizzazione ecommerce, ti consigliamo quello fatto per un’azienda come Almaverde Bio Ambiente: capirai che aprire un sito ecommerce può rappresentare uno sforzo importante ma estremamente redditizio. Oppure puoi dare un'occhiata anche a un progetto di ottimizzazione e consulenza ecommerce nel mondo petfood.

Ecommerce marketing e canali di promozione

Costruire un ecommerce non rappresenta un punto di arrivo: un negozio online di successo va piuttosto pensato come un’arma. In questo caso, le munizioni sono tutte quelle azioni di marketing online volte a rendere performante il tuo ecommerce alimentare: vendere di più può dipendere infatti da molti aspetti, dalle strategie di pricing al post-vendita, tutti da tenere in considerazione anche con l’aiuto di un consulente ecommerce capace ed esperto. Tra i principali strumenti troviamo:

  • Email marketing

Rappresenta un canale estremamente efficace, in grado di consentire (grazie anche a processi di automation) il mantenimento di un dialogo con il cliente (acquisito o meno). Se questo finalizza l’acquisto, infatti, va necessariamente coccolato (ad esempio con promozioni dedicate, ecc.), cercando di fidelizzarlo e di ottenere da lui feedback positivi da condividere con gli altri utenti; nei confronti dei potenziali clienti le email rappresentano invece un ottimo aiuto per ottimizzare le conversioni (il cosiddetto recupero del carrello abbandonato). Insomma, un sito ecommerce che funziona passa anche da qui.

  • Social media

Sono tra i canali da tenere in considerazione per il tuo marketing online: come ti spieghiamo qui, infatti, il cibo è da sempre “social”, e oggi questo si riflette nella grande enfasi che le community su Facebook, Instagram e co. pongono sul tema del food.

Un’occasione di visibilità da non lasciarsi sfuggire, unita alle possibilità di comunicazione diretta con l’utente/cliente che i canali social forniscono ai brand: un mix esplosivo, che per questo va maneggiato con cura. Importante è definire a monte una social media strategy calibrata rispetto ai tuoi obiettivi, scegliere bene i canali da presidiare e capire come sfruttarli con i contenuti giusti al momento giusto.

Spaventato? Non devi: qui trovi i nostri consigli fondamentali in proposito. E se vuoi vedere ancor più concretamente come si fa social media management nel mondo del food, ti raccontiamo anche la nostra esperienza in merito.

  • Google

Un altro canale da presidiare attentamente sono i motori di ricerca. Le campagne pubblicitarie su Google Ads sono infatti strumenti estremamente precisi e potenti, che possono aiutarti a ottenere un sito ecommerce performante: dall’aumento di traffico qualificato sul tuo sito all’incremento delle vendite di un prodotto specifico, come sempre, l’importante è impostare la strategia sugli obiettivi che vuoi raggiungere.

Per questo, spesso la soluzione ottimale risiede in un buon mix di investimenti, che sfrutti le potenzialità di ogni canale (Google, social, email, app ecc.) a vantaggio del tuo business e delle tue vendite. Una buona consulenza ecommerce sarà fondamentale per partire con il piede giusto.

Ora sei pronto a realizzare un ecommerce che vende?
Se hai ancora dubbi o vuoi approfondire ulteriormente qualche argomento, contattaci!
I nostri specialisti sono a tua disposizione per una consulenza ecommerce gratuita e senza impegno.

Affiliata alle principali Associazioni Professionali del Settore

© 2018 Tutti i diritti riservati - Integra Solutions srl - p.i. 03164120408